news

Clochard morto a Torino: non è fatalità, ma responsabilità di tutti, a partire dalle istituzioni

8 Febbraio 2021 - TORINO, ITALIA

Senza fissa dimoraEmergenza Freddo

Assurdo continuare a parlare di sgomberi

Condividi su

La Comunità di Sant'Egidio di Torino, che insieme ad altre associazioni ha firmato, nei giorni scorsi, la "Lettera aperta contro lo sgombero", esprime dolore e amarezza per la morte di Mostafa nel dehors di un bar del centro storico. Mentre continua la polemica sull'assurdo "sgombero" di persone e cose (coperte insieme ad altri poveri beni di chi vive per strada) resta la cruda realtà di una morte evitabile, che chiede di non essere classificata come fatalità o, persino, come libera scelta, ma chiama alla responsabilità di tutti, a partire dalle istituzioni.

La necessità di unire le forze per fare di più non è un lusso: è il minimo indispensabile per non far morire. Proteggere la fragilità di chi vive per strada è il segno distintivo di una città che vuole conservare la sua umanità.

Chiediamo alla sindaca, a tutti i responsabili dell'amministrazione cittadina e al prefetto di intervenire per salvare la vita di chi è in pericolo in questo inverno segnato non solo dal freddo ma anche dalla pandemia. Nessuno deve più morire per inospitalità.

 

Continua a sostenerci con una donazione

 

FOTO ANSA