news

Salute mentale in Albania, dall'ospedale psichiatrico alla casa

19 Marzo 2019 - TIRANA, ALBANIA

Albania

Un accordo tra Sant’Egidio e governo albanese definisce un nuovo modello socio-sanitario

Condividi su

In Albania a Tirana aprirà una casa famiglia protetta per otto donne con problemi di salute mentale, prima ricoverate in un ospedale psichiatrico.

È un nuovo modello socio-sanitario quello alla base dell’accordo firmato da mons. Vincenzo Paglia (Comunità di Sant’Egidio) e da Ogerta Manastirliu, ministro della Salute (Albania).

Il miglioramento della sanità psichiatrica portato avanti dalla convenzione consiste nel superamento del ricovero in grandi istituzioni, come avvenuto in Italia.

L’alternativa è una casa famiglia con operatori inseriti in un percorso di qualificazione professionale continua, con la collaborazione di medici specializzati dall’Italia.

L’accordo prevede anche il sostegno per la reintegrazione in famiglia e nelle comunità.

Una buona pratica che ha ispirato il progetto è la “Casa Rossa” di Tirana, la struttura di Sant’Egidio che ospita persone con problemi di salute mentale, alcune provenienti da Elbasan.



Salute mentale in Albania, dall'ospedale psichiatrico alla casa
Salute mentale in Albania, dall'ospedale psichiatrico alla casa
Salute mentale in Albania, dall'ospedale psichiatrico alla casa