Busta e francobollo: il filo diretto con i detenuti al tempo del virus

4 Aprile 2020

CarcereSolidarietàcoronavirus

Il racconto dei volontari di Sant’Egidio che mantengono vivo il dialogo con chi è in carcere

Condividi su


«Ero in carcere e siete venuti a trovarmi». I versetti del Vangelo di Matteo per i volontari che ogni giorno sono alle prese con le consegne di beni di conforto, domandine, richieste di ogni tipo, colloqui e con tutto ciò che allevia la sofferenza del detenuto sono stati la strada maestra anche al tempo del coronavirus. 

(continua a leggere)

https://www.vaticannews.va/it/osservatoreromano/news/2020-04/busta-e-francobollo-il-filo-diretto-con-i-detenuti-al-tempo-del.html?fbclid=IwAR2HzYc2Jx_dyMA7IpPXLJc8regfnTHk1tjRXEoGGxAip1781ygYmgjADlM


[ Davide Dionisi ]