Comunità di sant'Egidio, la rete di aiuto non si ferma

25 Marzo 2020

SolidarietàSenza fissa dimoracoronavirus

L'esempio della sede di Caio Manilio, nel quartiere Tuscolano, periferia sud di Roma, che prepara pasti per i senza fissa dimora. Per continuare a raggiungere quest'obiettivo, raccoglie cibo consegnato da gente generosa, che c'è ed sempre più attiva: mediamente quanto arriva basta a sfamare 600 persone.

Condividi su


Tina ci mette un po' a rispondere al telefono. Sta preparando i panini per i senza tetto che vivono nella stazioni ferroviarie romane. Ne occorrono 500 in tutto, farciti di verdure, formaggio e carne di tacchino, perché alcuni sono musulmani e la loro religione vieta la carne di maiale. Tina Bianchi, 47 anni, pugliese, è una delle volontarie della Comunità di Sant'Egidio, della casa di Via Caio Manilio per l'esattezza, situata nel quartiere Tuscolano alla periferia sud di Roma.

(continua a leggere)

https://m.famigliacristiana.it/articolo/comunita-sant-egidio-la-rete-d-aiuto-non-si-ferma.htm?fbclid=IwAR3sUu03rmpNUGU5c2d2u1BdPas6cooJYbiwM-av1MEEf-b-imR_XrG7VcY


[ Patrizia Ruscio ]