Preghiera per i Poveri

Condividi su


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 5,38-42

Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio edente per dente. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l'altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da' a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La Legge antica che prescriveva "occhio per occhio, dente per dente" voleva regolare la vendetta per evitare che fosse illimitata e implacabile. Era certamente una saggia disposizione per evitare ogni sopraffazione e squilibrio. Ma non aveva certo la forza di sradicare l'odio. La via che Gesù propone è quella di un amore sovrabbondante. Il male non si vince con altro male, anche se regolato, ma solo con un bene ancor più grande. Con queste affermazioni, Gesù capovolgeva una mentalità radicata del suo tempo. Ma anche noi viviamo in una cultura satura di spirito vendicativo e rivendicativo. Basti pensare ai pregiudizi che condizionano i comportamenti pubblici e la sensibilità di larga parte della popolazione nei confronti dei carcerati. Nonostante la scienza giuridica preveda il carcere come "redenzione" dalla colpa e non come vendetta da parte della società, ben altra è la sensibilità comune. Il Vangelo chiede al discepolo non solo di bandire dai suoi comportamenti la vendetta, ma addirittura di capovolgere l'istinto vendicativo con il "porgere l'altra guancia". Questo insegnamento è stato spesso incompreso e persino deriso. Purtroppo nelle nostre società cresce senza freni una mentalità vendicativa che avvelena i rapporti tra le persone. Gesù vuole che crescano sentimenti di fraternità tra noi. È ben lontano dal proporre una logica di violenza e di morte. Egli è venuto a instaurare un nuovo modo di vivere che ruoti attorno all'amore per gli altri. È la via per sconfiggere il male con il bene. Sulla via dell'amore il discepolo offre anche il mantello a chi glielo chiede ed è pronto a compiere anche il doppio dei chilometri a chi gli domanda compagnia e non volta le spalle a chi chiede aiuto. Con questo amore si sconfigge il male nel suo nascere e si apre la via per una vita buona e degna per tutti.