change language
usted está en: home - selecciÓn de prensa newslettercómo contactarnoslink

Ayuda a la Comunidad

  

Prima Pagina Modena

13 Febrero 2014

CRISI: Dal 6,2% del 2004 al 13,4% del 2012, ben 27 mila bambini chiedono cibo e latte

Povertà, in regione si moltiplica il numero delle famiglie indigenti

 
versión para imprimir

 In meno di dieci anni in Emilia Romagna la percentuale delle famiglie indigenti è più che raddoppiata, passando dal 6,2 per cento del 2004 al 13,4 per cento del 2012. E' quanto sottolinea Coldiretti Emilia Romagna sulla base del rapporto "Noi Italia" 2014 pubblicato dall'Istat. «Il grido d'allarme lanciato dal cardinale Carlo Caffarra per la città di Bologna - afferma Coldiretti - trova una conferma in tutta la Regione, dove sempre in base alle rilevazioni Istat, nel 2012, le famiglie in situazione di disagio economico sono 266.177».

 Il trend di aumento delle situazioni di disagio sono confermati anche dai dati dell'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea), secondo cui i cittadini della nostra regione che ricevono pacchi alimentari o pasti gratuiti attraverso i canali no-profit hanno toccato il massimo negli ultimi tre anni per effetto della crisi economica, con un aumento esponenziale passato dai 163.029 cittadini indigenti del 2010 ai 200.463 del 2012 e ai 228.591 del 2013. «Il dato più drammatico - commenta Coldiretti - è quello dei bambini tra O e 5 anni di età che per bere latte o mangiare nel 2013 hanno fatto ricorso all'aiuto degli enti assistenziali: nella nostra regione sono stati 27.251, anche in questo caso in crescita rispetto ai 21.630 bambini del 2012. Più contenuto (circa 24.500) secondo le stime Coldiretti il numero degli over 65 anziani che per mangiare hanno fatto ricorso al sostegno pubblico. E' la conferma - commenta Coldiretti - che le famiglie con bambini piccoli e gli anziani sono la categoria su cui ha pesato maggiormente la crisi».

 Secondo le elaborazioni di Coldiretti regionale, gli aiuti alimentari promossi da Agea attraverso le sette organizzazioni riconosciute e le loro strutture periferiche (Croce Rossa Italiana, Caritas Italiana, Fondazione Banco Alimentare, Banco delle Opere di Carità, Associazione "Sempre insieme per la Pace", Comunità di Sant'Egidio, Associazione Banco Alimentare Roma) in Emilia Romagna sono circa 6,5 milioni, tra pasti gratuiti in mensa o in residenza e distribuzione di pacchi di prodotti alimentari.  


I numeri della povertà 2013 in Emilia Romagna 

 Sono 266.177 famiglie indigenti, mentre 228.591 cittadini sono costretti a chiedere aiuto per mangiare. Una situazione difficile anche per 27.251 bambini tra i O e i 5 anni che vengono alimentati grazie agli aiuti e un aumento degli assistiti, rispetto al 2010, del 40%. Gli interventi alimentari sono di 6,5 milioni tra pasti e pacchi alimentari e 1'85 % gli indigenti che scelgono i pacchi alimentari come forma di aiuto.  


 LEA TAMBIÉN
• DOCUMENTOS

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

todos los documentos

FOTOS

1007 visitas

1059 visitas

970 visitas

997 visitas
todos los medios de comunicación afines